La classifica dei migliori posti di lavoro di Great Place to Work Institute Italia: presenti anche aziende del settore turismo

Puntuale anche quest’anno il Sole 24 Ore pubblica la classifica dei migliori posti di lavoro del Great Place to work Institute Italia, alla sua Undicesima edizione, strumento idoneo al monitoraggio degli ambienti lavorativi in Italia.

Da un po’ di anni a questa parte l’ambiente lavorativo è sotto i riflettori di studiosi e dei media, che ne mettono in evidenza le caratteristiche e le peculiarità. Si approfondisce il concetto che il luogo e le condizioni di lavoro dei dipendenti di aziende è una condizione imprescindibile dalla riuscita aziendale. E’ stato provato che il lavoratore che si trova a operare in un ambiente confortevole e attento alle sue necessità rende maggiormente.

L’Italia è ancora lontana dai metodi di lavoro del resto del mondo, dove attraverso orari flessibili, il job sharing o il telelavoro si ottengono maggiori traguardi. Ma non ci si può nascondere di fronte all’evidenza, l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata è a rischio di caduta, sempre più spesso i due ambiti della vita di un essere umano si mischiano, rendono l’uomo schiavo del suo lavoro e insoddisfatto della sua vita privata. L’obiettivo che si vuole raggiungere è quello di avere sempre più lavoratori felici e gratificati, abbattere il muro che rende separata la vita privata dal lavoro, renderli un tutt’uno, permettere al lavoratore di includere la sua vita privata in quella lavorativa.

Il Great Place to work è un valido strumento, che conferendo il best workplace, mette in relazione tante aziende diverse dando la possibilità di confronto e miglioramento delle condizioni lavorative.

Quest’anno presenta la classifica si sdoppia, c’è una top ten per le grandi aziende e una per 25 piccole e medie imprese. Tra le grandi imprese figurano i nomi di società come Elica, FedEX Express (Trasporti aerei) , Unieuro, Leroy Merlin. Tra le piccole e medie imprese, invece, possiamo leggere Best Western Italia (settore di Hotel/Resort), Kellogg Italia, S.C. JOHNSON ITALIA, ZETA SERVICE.

A marzo 2012 si terrà un convegno al quale parteciperanno le migliori aziende, coadiuvate da esperti e studiosi dell’argomento, per approfondire l’argomento con tavole rotonde e workshop; probabilmente per questa edizione si penserà al coinvolgimento di studenti universitari. La cultura del work-life balance (il bilanciamento tra lavoro e vita privata), sarà l’argomento principale del convegno di marzo, oltre a essere l’occasione per lanciare la nuova edizione della graduatoria e il nuovo contest. Novità interessante è la campagna di solidarietà che vede l’impegno di ogni azienda partecipe all’indagine a versare 100 euro a sostegno di “Una mano per l’Africa 2012”. E’ un progetto attivo da ormai 10 anni e che grazie al Gicam (Gruppo Italiano chirurghi amici della mano) mette a disposizione dei paesi in via di sviluppo medici, chirurgi, ortopedici e plastici.

 

I lettori di questo articolo hanno letto anche:

  • No Related Posts
Questa voce è stata pubblicata in aziende e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.