Il colloquio di lavoro: come prepararlo e affrontarlo

Il colloquio di lavoro è un momento importante della tua carriera ed è tutt’altro che facile. Un buon curriculum e una buona lettera di presentazione non bastano. E’ la prima occasione in cui ci si trova faccia a faccia con il selezionatore. Poichè la prima impressione è sempre quella più importante, è fondamentale presentarsi in maniera efficace: i primi minuti di conversazioni sono cruciali ed è necessario riuscire a comunicare al proprio interlocutore che abbiamo le caratteristiche e le capacità perfette per la posizione per cui ci stiamo candidando.

Preparati al colloquio in maniera meticolosa: informati prima sull’azienda (attività, sedi, storia, sviluppo e possibilmente organico) in modo da mostrarti interessato alla realtà lavorativa per cui ti stai candidando. Preparati ad affrontare domande sul tuo curriculum, sulla tua esperienza e soprattutto sui tuoi punti di debolezza. Vestiti in maniera sobria ma elegante. Non esagerare con il profumo o il dopobarba: un odore forte potrebbe risultare sgradevole. Le donne evitino i tacchi troppo alti o il trucco pesante. Spegni il cellulare prima del colloquio per evitere sgradevoli interruzioni. Porta con te una copia del tuo curriculum aggiornata.

Informati per tempo sul luogo in cui sosterrai il colloquio, in modo da organizzare tempi e spostamenti (orari autobus o stazione metropolitana, piuttosto che possibilità di trovare parcheggio o condizioni del traffico). Non arrivare nè in ritardo nè troppo in anticipo (5 minuti sono sufficienti), in modo da non sembrare impaziente e non creare problemi nell’agenda del selezionatore. Approfitta dei minuti preziosi per organizzare le idee e se ti rendi conto di essere troppo nervoso, rilassati e respira profondamente: eviterai cali di concentrazione e -aspetto fondamentale- ti mostrerai rilassato al selezionatore.

Durante il colloquio sii educato e cordiale, rivolgiti con il “lei” all’esaminatore anche se è più giovane di te, assumi una postura composta, ben dritto sulla sedia, senza scivolare sotto il tavolo. Evita di giocherellare con gli oggetti (penne, collane, orologi), non grattarti o toccarti viso o capelli: potrebbe essere visto come un chiaro segno di nervosismo. Guarda negli occhi il tuo interlocutore senza essere sfuggente conlo sguardo, mostrandoti deciso ma non superbo. Evita di essere simpatico a tutti costi e l’entusiasmo esagerato (come affermare:”Questo è il lavoro dei miei sogni”!): la naturalezza premia senz’altro.

Sii attento a tutto quello che ti chiede l’esaminatore, cercando di cogliere tutte le sfumature dei quesiti. Se non sei sicuro di aver capito bene la domanda, chiedi gentilmente spiegazioni e prenditi qualche secondo di riflessione per rispondere.

Sii semplice ma soprattutto sincero nel rispondere alle domande, anche se dovessero sembrarti banali: nel lavoro è molto importante anche sapersi relazionare con gli altri e momenti del genere dànno al selezionatore un’immagine di te in situazioni in cui comunicare è fondamentale. Rispetta i tempi del dialogo senza interrompere il tuo interlocutore e non parlare continuamente: il dialogo deve svolgersi in maniera spontanea ed armoniosa.

E’ fondamentale essere sintetici, chiari e precisi, catturando subito l’attenzione ed esponendo in maniera chiara e precisa le proprie esperienze (meglio se per prima quelle correlate alla posizione per cui ci si sta candidando) e soprattutto cosa vi aspettate dal rapporto di lavoro che potreste iniziare. Tutto ciò è utile affinchè sia voi che il selezionatore non perdiate tempo e siate sicuri di “volervi” l’un l’altro.

Evitate quindi di essere troppo ermetici e di utilizzare termini difficili: la chiarezza è fondamentale. Parole efficaci e tono sicuro della voce ti aiuteranno a non dare l’impressione di essere troppo sicuri di sè, ma umile e preparata.

Non fare subito domande sulla parte economica: lascia che sia il selezionatore a prendere l’argomento e ricorda che l’argomento spesso viene affrontato in incontri successivi.

Alla fine del colloquio chiedi quali saranno i passi successivi, saluta cordialmente, ringrazia e, se stai valutando altre proposte, dichiaralo pure con gentilezza.

In bocca al lupo per i tuoi futuri colloqui di lavoro!

I lettori di questo articolo hanno letto anche:

Questa voce è stata pubblicata in candidati e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.