Tendenze professionali e lavorative nel Food & Beverage

A dispetto della crisi economica il settore del turismo e della ristorazione, e particolarmente alcuni ambiti di lavoro, continuano a mantenere una leadership a livello internazionale. Soprattutto nel campo del Food & Beverage, nel quale si aprono nuovi orizzonti e nuove professionalità che soddisfano nascenti esigenze del mercato del lavoro: oltre al classico F&B Manager, le ultime tendenze dagli States rivelano un certo interesse anche per il food shopper.

Le professioni al top nel F&B
Secondo un recente studio, nella top ten delle professioni del settore food & beverage, sono annoverati tra gli altri gli enologi, i panettieri, i pasticceri e i tecnologi alimentari sono enologi, panificatori, macellai, pasticcieri, manutentori. La figura professionale più completa e ricercata è però il F&B Manager, che ricopre le funzioni di gestione dell’approvvigionamento delle provviste alimentari, la qualità della produzione e la distribuzione dei pasti. Il F&B Manager si occupa di definire  e gestire i budget, controllare costi e programmazioni, organizzare il personale e seguire gli eventi (banchetti, cocktails, buffet o rinfreschi). Per ricoprire ruoli di tale livello è certamente necessario aver acquisito una certa esperienza (molti F&B manager hanno iniziato facendo il cameriere o il barman), oltre che aver conseguito una specializzazione che permette di acquisire  strumenti teorici volti a raggiungere un livello professionale di tutto riguardo. Un buon F&B Manager deve mostrare un carattere aperto e buone capacità collaborative, attenzione al dettaglio e predisposizione al lavoro manuale. Inoltre le doti che differenziano i validi professionisti sono la precisione e la flessibilità.
L’assistant restaurant manager
L’assistant restaurant manager è un’altra figura professionale – chiave che da diversi anni riveste un’importanza sempre maggiore tra le professionalità nel settore Food & Beverage. Nello specifico la sua funzione è quella di assicurare una buona organizzazione del ristorante, di occuparsi della gestione della produzione e della distribuzione dei cibi (coordinando cucina e sala), gestendo i contatti con i fornitori e organizzando budget e personale. In qualità di responsabile in sala, dovrà gestire il rapporto con i clienti, soprattutto in caso di reclami e segnalazioni. Un assistant restaurant manager di successo ha una buona conoscenza  dei prodotti utilizzati nel mondo della ristorazione, ha una elevata competenza di cucina nazionale e internazionale e conosce le tendenze della ristorazione, perché sempre al corrente di ciò che il mercato propone. È indispensabile una buona conoscenza del mondo dell’enologia in generale per effettuare un corretto abbinamento tra cibo e vino. Spesso per ricoprire questi ruoli è necessaria un’esperienza professionale pluriennale presso diverse tipologie di ristoranti. Per poter ambire a svolgere questa professione è necessario avere generalmente capacità sia gestionali che organizzative, disponibilità a lavorare su turni anche nel weekend, tendenzialmente di sera, e spiccate doti motivazionali.

Tendenze dal mercato del lavoro: il food shopper
Tra le nuove professioni legate al food & beverage è interessante ricordare il food shopper, figura totalmente nuova per l’Italia ma molto diffusa in America. Il compito principale di questo professionista è quello di illustrare e consigliare quali consumare tra i prodotti tipici della zona nella quale il turista si trova, che esso sia straniero o no. Il food shopper, oltre che indicare quali prodotti acquistare, si occupa di testarne anche la qualità, accompagnando il turista alle degustazioni e agli eventi dimostrativi e indicando i migliori locali tipici, le osterie, le cantine e le enoteche.

I lettori di questo articolo hanno letto anche:

  • No Related Posts
Questa voce è stata pubblicata in candidati, consigli per la carriera e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.